Moda&Mood


Le scarpe con le dita hanno conquistato l’America
1 settembre 2009, 14:00
Filed under: accessori, curiosità, web | Tag: , , , ,
FiveFingers

FiveFingers

NEW YORK – La tribù degli scalzi sfida gli schiavi delle griffes sportive. Si corre meglio, più veloci e con meno rischi, se la pianta del piede “sente” la terra come i nostri antenati a caccia di selvaggina? È la guerra di religione che sconvolge il business della calzatura da jogging. È partito dalla suola delle scarpe l’assalto alla supremazia di Nike, Adidas e Reebok. Tra i Davide che sfidano Golia c’è un’azienda italiana, la Vibram. Ha inventato la “scarpa che non c’è”: minimalista, una membrana sottile che avvolge il piede, con le dita separate come in un guanto, e lo lascia quasi nudo nel contatto con il terreno. Il New York Times scopre il boom di questa non-scarpa e ne fa un caso con foto dell'”oggetto” in prima pagina. Proprio in America – a due mesi dalla celebre maratona di New York – nel popolo del jogging questo nuovo modo di correre a piedi quasi nudi ha un successo notevole. Il numero degli adepti cresce a vista d’occhio.

La sola Vibram con la linea Five Fingers (Cinque Dita) ha visto le sue vendite triplicare ogni anno, dopo il lancio nel 2006. Ora tremano i colossi, che rappresentano un fatturato annuo da 17 miliardi di dollari: nei negozi sportivi ormai la zona-scarpe si è dilatata, è sempre più invadente, con sezioni specializzate a seconda delle discipline sportive (mai usare una scarpa da tennis per andare a correre!), dei percorsi (un velocista e un maratoneta hanno esigenze diverse), perfino della conformazione anatomica: il cliente è invitato a poggiare i piedi su scanner elettronici che misurano l’inclinazione su cui poggia il peso del corpo.

In questo business i Big come Nike, Adidas, o la giapponese Asics, da anni hanno investito su suole sempre più spesse, morbide, molleggiate, hi-tech. Cuscinetti d’aria intrappolati nel caucciù vengono venduti a prezzo d’oro, come altrettante protezioni contro il logorìo delle giunture (anca, ginocchio, caviglia, vertebre) che insidia il corridore di fondo. Si aggiungono microchip elettronici e ogni sorta di gadget che promette performance superiori e vita lunga agli arti inferiori. È questo Verbo che oggi viene demolito dagli eretici coi piedi scalzi, e il grande scisma spacca in due il popolo globale che si allena nei parchi e sull’asfalto del pianeta.

Via Repubblica.it

Annunci

1 commento so far
Lascia un commento

be’ secondo me se abbassano il prezzo in Italia gli acquisti andranno a ruba . E’ una scarpa non scarpa, la puoi mettere con i jens , o sportiva per correre senza il pensiero di slogarsi la caviglia ,e poi pensate al mare dove ci sono i sassolini noiosi in acqua! E’ fantastica l ‘ idea di entrare in acqua senza la paura di farsi male . Magari migliorerei i colori tinta unica , per poter abbinare meglio al capo indossato la scarpa adatta .be’ se volete qualche idea io ne ho un Po’ !!!!

Commento di Sonia




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: